Densitometria Ossea
You are here:

La densitometria ossea è una tecnica diagnostica che permette di valutare la densità minerale delle ossa, risultando particolarmente utile nella diagnosi e nel monitoraggio dell’osteoporosi.

Densitometria Ossea

La densitometria ossea con tecnica di assorbimento a raggi X (DEXA) misura, nell’osso, la quantità di calcio e di altri minerali che gli conferiscono durezza, rigidità e resistenza; valutando lo stato di salute delle ossa e della predisposizione ad eventuali rischi di fratture, è fondamentale per la diagnosi ed il monitoraggio di osteopenia e osteoporosi, malattia dello scheletro che riduce il contenuto minerale nelle ossa, deteriora la microstruttura che le caratterizza e che espone i pazienti al rischio di subire fratture anche per traumi di lieve entità.

La diagnosi strumentale di osteoporosi si basa sulla valutazione della densità minerale ossea, raffrontata a quella media di soggetti sani dello stesso sesso. Nella nostra struttura si effettua sempre una precisa valutazione del rischio di frattura integrando i valori di densità ossea con i fattori di rischio clinico (utilizzando lo strumento FRAX dell’organizzazione mondiale della sanità ).

Dopo l’esame è possibile prenotare visita specialistica per identificare le cause dell’osteoporosi e per definire un programma di cura personalizzato.

Maggiori informazioni sulla prestazione

Tipologie di prestazioni erogate

La densitometria ossea femorale viene eseguita nella zona femorale ed è sempre consigliata in pazienti sopra i 60 anni, anche in caso di densitometria della colonna lombare normale.

La densitometria della colonna lombare viene eseguita nella zona lombosacrale.
La densitometria ossea pediatrica viene eseguita nei pazienti dai 5 ai 19 anni.
La densitometria total body viene eseguita su tutto il corpo per disturbi metabolici, valutazione massa magra/grassa.
La densitometria ultradistale viene eseguita sull’avambraccio.
Esame che si esegue per la diagnosi delle fratture vertebrali da osteoporosi.
Attraverso l’elaborazione dei dati densitometrici e dei fattori di rischio individuali si documenta oggettivamente la gravità e il potenziale impatto dell’osteoporosi sul paziente.